Natura

Vallone di Elva

Hai mai pensato a quanta differenza può fare una strada per un paese di montagna?

Da sempre Elva soffre per il suo isolamento. Rimase inaccessibile fino ad oltre la meta del 1800. I collegamenti con la valle passavano esclusivamente per Stoppo, attraverso il colle di San Giovanni e quello di Bettone: un collegamento lunghissimo e pericoloso.

Già nel 1763 il Sindaco ricorre all’intendenza di Cuneo facendo notare le difficoltà che gli Elvesi devono affrontare. Nel 1837, viene chiesto aiuto al Principe Vittorio Emanuele che nel 1838 deliberata la costruzione di una strada lungo il Vallone di Elva.

Nel 1883 si riesce a costruire un primo sentiero che attraverso la comba raggiunge i confini con Stroppo. Ma solo nel 1893 il sentiero raggiunge il fondovalle.

Per trasformare il sentiero in mulattiera, viene chiesto all’Autorità Militare l’intervento di un contingente di truppe e nel 1895 i militari accolgono la richiesta.

Dopo sei mesi di lavoro si riesce solo a migliorare il sentiero.

Nel 1914 viene presentato un progetto per una strada carrozzabile ma solo nel 1934 transita il primo mulo carico. Finalmente nel 1959 si concludono i lavori e gli Elvesi hanno a disposizione una carrozzabile che attraversa la comba: finisce l’isolamento. Nel 1970, Marco Dao nel libro Elva, eroica, incredibile, storia di una strada scrisse: “una storia di uomini coraggiosi, i quali sfidando avversità naturali, ed opposizioni tenaci di altri uomini, riuscirono a dare vita ad una strada, di cui oggi tutti parlano bene, ma che un tempo fu vista come una follia”.

Un lieto fine? Non proprio: purtroppo nel 2014 una frana ha compromesso la viabilità della strada del Vallone che da allora, per ordinanza della Provincia di Cuneo, è chiusa al traffico. Il comune però non si arrende e vuole che questa spettacolare strada torni presto nuovamente percorribile. Da Elva, puoi darci uno sguardo o percorrerne un panoramico tratto a piedi.

  • Come visitare il sito

    Strada attualmente interdetta al traffico, percorribile a piedi solamente il primo tratto in discesa da Borgata Serre verso Borgata Ischia.

Potrebbero interessarti

Altre attrazioni simili a questa.