In Bilico fra Note e Natura Lago Visaisa 19-09-2021

In Bilico fra Note e Natura Lago Visaisa 19-09-2021

L’idea nasce dall’incontro tra tre musicisti cuneesi e l’associazione di slackline “Torino sul filo”, con lo scopo di dar vita ad uno spettacolo che possa essere sintesi di natura ed arte con molteplici accezioni. Un’esperienza che sarà interiorizzata ed elaborata in maniera unica e personale da ognuno dei presenti.

La slackline, ovvero il funambolismo moderno, è un esercizio di bilanciamento. Una fettuccia tensionata tra due ancoraggi si trasforma nel palcoscenico dei nostri atleti all’interno di uno scenario naturale dove poter sentire la leggerezza e la bellezza dell’equilibrio in armonia con la natura circostante.
Il luogo prescelto per la performance è il lago Visaisa, sito in alta valle Maira (Cuneo) a quasi 2000 metri di altitudine, in una spettacolare conca che ben si presta a tracciare delle linee di camminamento sospese nel vuoto. Allo stesso tempo la sua specifica morfologia amplifica naturalmente i suoni, garantendo un’esperienza acustica irripetibile. Questo bellissimo paesaggio non solo si presta ad espandere il senso della vista ma, trovandosi in un anfiteatro naturale, trasforma anche il suono in maniera unica.
Il nostro obiettivo è creare un’atmosfera in cui le emozioni di tutti si fondono con la montagna, col lago e la sua valle. I suoni trascineranno gli spettatori sulle linee con gli slackliners in modo da fondere le emozioni di entrambi.

Non vi stiamo proponendo uno spettacolo con un copione predefinito, ma una melodica improvvisazione che coniuga equilibrio e forza di volontà per rimanere ancora un altro secondo lassù nel cielo per diventare così una cosa sola con la linea e stabilire un’armonia tra il nostro io interiore ed un contesto di emozioni tra natura e suoni. La finalità è quella di lasciare andare paure e pensieri, gioire senza agitarsi, vedere e sentire senza distrarsi, perché ogni momento diventa equilibrio da conquistare e cesellare istante dopo istante.
In questa sospensione fatta di concentrazione non importa se si hanno i piedi per terra o nel cielo. La vita ci insegna che l’importante è rialzarsi.
E cosi farà il nostro equilibrista: si alzerà le volte necessarie fino a completare la sua impresa.
Il progetto musicale prevede un processo compositivo studiato appositamente per il luogo e per un ensemble di strumentisti a fiato disposti alle estremità delle linee: l’intento dei compositori è infatti quello di valorizzare il riverbero ed i delay naturali che la conca del lago Visaisa offre.
I musicisti, sempre in bilico tra musica scritta ed arte improvvisata, interagiranno direttamente con gli slackliners, attraverso gestualità e segnali acustici e visivi previsti dalla composizione, ma anche come reazione ad ogni movimento ‘sul’ e ‘del’filo per riprodurre sonorità differenti. Per raggiungere questa sonorizzazione, totalmente acustica, verranno usati strumenti a fiato (principalmente ottoni ed ance) dotati di suggestive stratificazioni timbriche.
Il pubblico, dislocato a bordo lago e sulla collina d’ingresso alla conca, potrà godere appieno di un effetto avvolgente generato dalla musica e da una vista spettacolare sulle linee. Sarà così testimone di uno spettacolo inedito in cui i suoni, il movimento e la montagna stessa lo coinvolgeranno per dar vita ad un’esperienza sospesa, in cui tempo e spazio saranno, magicamente, riformulati in maniera inedita.

Dal 16 al 21 settembre
Primo giorno: trasporto del materiale con aiuto dei cavalli Merens dell’allevamento de Roquebrune (2400 metri circa di fettuccia, 30 grilli in acciaio inox, 5 weblocks, 20 slings da 1T e 2T di portata, 20 corde statiche da 15metri, 10 anelli con 5 leasch 12 spit in acciaio inox da roccia con piastrina, 1 tassellatore, 25 delta in acciaio inox 10 moschettoni con ghiera in acciaio inox, 1000 metri di cordini da 5mm). Ipotizziamo due viaggi dalle foci del Maria fino al lago Visaisa in seguito preparazione del campo base e sistemazione dei materiali.
Secondo giorno: inizio del montaggio delle due linee più lunghe che richiederanno più tempo e più impegno, utilizzeremo il metodo stendino ”buen chacho” per faticare meno nel passaggio della fettuccia, chioderemo le due soste mancanti e infine tensioneremo le slacklines con dei paranchi, utilizzando un dinamometro per misurare la tensione. Dopo smonteremo la corda dello stendino.
Terzo giorno: montaggio delle altre tre slackline sempre sul lago che viste dall’alto creano una forma di triangolo. Nel tardo pomeriggio inizieremo le prove con i musicisti e un po’ di svago tra musica e giochi.

Quarto giorno, 19.09.2021:
Performance audio-visiva
Ore 13.00

Quinto e sesto giorno: inizio dello smontaggio: prima poi quelle più lunghe in modo da lasciare ancora un po’ di tempo ai temerari slackliners di provare l’ebrezza dell’attraversamento della conca del lago.

In seguito, sempre con l’aiuto dei cavalli di Merens dell’allevamento de Roquebrune ,riporteremo tutto il materiale a valle alle foci del Maira.

In ultimo provvederemo alla pulizia molto accurata di tutta la conca del lago Visaisa, in modo da lasciare la natura incontaminata così come l’abbiamo trovata.

 

Clicca qui per avere maggiori informazioni sul progetto!

Le date dell'evento

  • 19/09/2021 dalle 13:00 alle 16:00

Località